Home » Vi racconto la mia prima volta con una ragazza

Vi racconto la mia prima volta con una ragazza

Sono un tipo piuttosto timido e riservato. Non sono abituato a parlare di me, men che meno su un blog online. Tuttavia mi sembra un’ottima opportunità per condividere la mia prima esperienza con il sesso, perché ritengo che possa essere utile a chi, come me, non ha mai avuto nessuno con cui affrontare determinati argomenti.

Premetto che non sono mai stato come gli altri miei coetanei. Molti hanno avuto le loro prime esperienze a 15 o 16 anni, e ne parlavano come se fossero stati dei veri stalloni, quando la realtà dei fatti è che probabilmente si sono trovati d’impaccio un po’ come capita a tutti. Io per vivere un rapporto completo ho dovuto attendere fino ai 20 anni. Si lo so, non è molto da macho, ma non mi sono mai importate certe cose. Sono un romantico e volevo che la mia prima volta fosse con una persona davvero speciale per cui provavo qualcosa di vero.

Mi rendo conto che per molti questa è un’utopia, mentre per altri i sentimenti contano relativamente poco, tuttavia posso asserire che vivere la suddetta esperienza con qualcuno con cui si ha un’intesa mentale molto forte, è decisamente appagante, a prescindere dalla performance fisica in sé. Nessuno di noi è Rocco Siffredi, soprattutto la prima volta…è già un traguardo non venirsi nelle mutande appena lei si toglie il reggiseno, parliamoci chiaro. Ma mi sto dilungando….la mia prima volta è stata con una compagna di liceo. Era vergine anche lei, timida ma vogliosa di sperimentare. Ci frequentavamo da qualche mese e avevamo davvero una bella intesa. Era di fatto la mia ragazza dell’epoca e facevamo praticamente tutto insieme, dallo studiare al giocare ai videogiochi al guardare film  o serie tv.

Mi piaceva davvero tanto stare con lei e da bravo giovane adulto quale ero, a un certo punto ho cominciato a sentire il bisogno di andare oltre ai baci e al petting. Una sera i miei non erano a casa così la invitai a stare da me. Ordinammo al cinese sotto casa, ci guardammo un film e poi ci coccolammo un po’ sul divano come facevamo di solito.

Ma quella sera, mentre la baciavo e l’accarezzavo notai che aveva messo un intimo differente. Era più elegante, meno da ragazzina e più da donna. Le sorrisi, lei fece altrettanto e mi disse: ”sono pronta per andare oltre”. Si mise sopra di me e cominciò a baciarmi con molta più passione del solito. Non capii più nulla e mi abbandonai alle sue attenzioni, ricambiando a mia volta.
La sentivo veramente desiderosa di fare il passo, così afferrai al volo un profilattico ma ebbi qualche difficoltà ad infilarlo, l’agitazione gioca brutti scherzi in quei momenti. Così lei, molto dolcemente si preoccupò di aiutarmi, mi masturbò un pochino e poi me lo infilò. Poi si distese e mi fece mettere sopra di lei. Era veramente bellissima con quel lieve rossore di timidezza a tingerle le guance, e fu ancora più carina quando gemette di dolore appena la deflorai.

Fu una sensazione davvero molto intensa. Comincia a muovermi piano per non farle troppo male, ma dopo poco notai che stava rispondendo ai miei movimenti allargando sempre di più le gambe mentre si abbandonava al piacere. Dopo poche spinte venni incapace di controllarmi, ma fu un’esperienza davvero bellissima e il suo sorriso rese tutto ancora più magico. Lo so, sembra una cosa da favola, lontana dalla realtà, eppure posso assicurarvi che certe cose si possono ancora vivere. Per questo il mio consiglio è quello di non avere fretta e di attendere la persona giusta che sappia davvero farvi emozionare. Il sesso comincia dalla mente, non dal corpo.

Lascia un commento